- PRIMA DI POSTARE CERCA NEL FORUM, CLICCA QUI     - SEI SICURO DI AVER LETTO BENE LE F.A.Q.? CLICCA QUI!!   - RUF: REGOLAMENTO UFFICIALE FORUM, CLICCA QUI
New Thread
Reply
 
Previous page | 1 | Next page
Vote | Print | Email Notification    
Author

I morti e il viaggio astrale (ipotesi di sconfinamento e stato vibratorio)

Last Update: 2/21/2012 11:41 PM
1/18/2012 10:41 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
Post: 4,272
Registered in: 5/7/2004
Age: 45
Gender: Male
Amministratore unico
Master User
OOBE inside
OFFLINE



Si sente spesso parlare di "vita oltre la vita", tunnel di luce", "stati di premorte" e argomenti simili in cui le visioni dei propri defunti fanno da riflettore principale. Frequentemente l'esperienza di viaggio astrale, proprio per la sua fenomenologia e associata o interconnessa con le argomentazioni legate al mondo dei defunti. Molte persone sperano o ipotizzano che l'esecuzione di un viaggio astrale cosciente possa metterle in relazione diretta con i loro cari. Daltronde se molte persone affermano di vedere i loro cari in un semplice sogno, in caso di uscita dal corpo la cosa dovrebbe essere scontata. Le idee e le ipotesi in gioco però sono tantissime.

Innanzi tutto è cosa fondamentale la veridicità del viaggio astrale. Se seguissimo l'ipotesi scientifica per la quale il viaggio astrale è giusto uno stato allucinatorio comprensivo di alienamento sensoriale fisico allora potremmo dare già per scontato che l'eventuale incontro con un parente defunto non sia altro che una palese allucinazione visiva che prende forza dal nostro subconscio o dalla nostra emotività.

Scartata l'ipotesi scientifica bisognerà prima constate quanto segue:

- In campo spirituale tutto vibra ed ogni cosa, ogni corpo, ogni mondo, ogni stadio evolutivo ha una determinata frequenza e in base a tale frequenza una eventuale entità, ma anche noi stessi, saremo visibili o meno in un determinato stadio di esistenza. Da qui nasce anche tutta la classificazione dei vari piani e corpi fisico, eterico, astrale, mentale, causale etc, che ci permetterebbero di accedere a piani diversi dal nostro.

Detto questo, chi sperimenta il viaggio astrale conoscerà bene il proprio stato vibratorio perchè percebibile spesso durante la fase di distacco dal corpo; l'esperienza di viaggio astrale ci permetterà di accedere al piano astrale. In una esperienza di premorte lo stato vibratorio dovrebbe essere simile a quello di una esperienza astrale e permetterci di vivere la stessa tipologia di esperienza anche se a scaturirla è un evento differente. Come sappiamo però quasi la totalità delle persone che hanno avuto esperienze di premorte raccontano di aver visto i loro cari, mentre nel campo delle esperienze di viaggio astrale la cosa è quasi del tutto assente. Può essere che nel caso di esperienza di premorte l'interessato sia mentalmente rivolto all'idea della morte concreta, ma è anche vero che negli stati di premorte il corpo fisico anche se per qualche piccolo istante rimane veramente morto. Con questi presupposti potremmo affermare che l'esperienza di premorte in realtà ci porta ad uno stato vibratorio più alto praticamente pari allo stato vibratorio dei cari defunti mentre in una esperienza di viaggio astrale, essendo ancora legati ad un corpo fisico vivo, il nostro stato vibratorio nel 99% dei casi sia decisamente inferiore e quindi non ci permetta di accedere al "regno dei defunti".

Sappiamo, specialmente nelle esperienze di viaggio astrale, che il nostro stato vibratorio è modificabile, alcune persone riescono in fase di distacco, durante lo scatenarsi dello stato vibratorio (ma anche successivamente), a modificare frequenza e intensità delle vibrazioni arrivando a vivere esperienze più o meno raffinate nel piano astrale se non addirittura a vivere esperienze degradate in un piano più vischioso molto vicino al piano fisico nel caso di declassamento delle vibrazioni. L'altezza delle vibrazioni può dipendere da svariati motivi, come la condotta di vita, il livello spirituale, una malattia fisica, sentimenti negativi, sentimenti positivi etc. La considerazione che ne scaturisce da tutto questo è: può un'entità disincarnata, quindi un defunto, modificare il proprio stato vibrazionale per scendere e mostrarsi in un piano di esistenza più vicino a quello fisico, quindi fare il persorso inverso al nostro? In teroria si, daltronde il disincarnato dovrebbe aver preso una buona confidenza con il proprio stato vibrazionale, tanto che nella intera storia dell'umanità vi sono racconti di qualsiasi genere legati ad apparizioni, possessioni, incontri occulti, sedute spiritiche, interlocuzioni, fotografie di spiriti etc. Sarà poi compito dei vari interessati certificarne l'autenticità o meno e starà a noi valutare sino a dove credere o non credere.

Concludendo, si dovrebbe ipotizzare che ogni corpo vivificato abbia un determinato spazio vibrazionale all'interno del quale può muoversi verso l'alto è verso il basso, i vari spazi vibratori potrebbero intersecarsi lievemente nelle zone di confine e permettere a chi ha più esperienza di muoversi all'interno della prima parte vibratoria dei piani confinanti, mostrandosi o interferendo seppur in maniera poco produttiva e non totalmente influente con quel piano adiacente, questa forse potrebbe essere la causa di scambio tra un piano e l'altro. Il cambio di piano avverrà completamente solo alla morte del corpo che vivifica una determinata zona. Chissà che non vi siano entità capaci di un più ampio spettro vibratorio, tanto da compenetrare più sottopiani contemporaneamente, se ci pensiamo bene l'uomo stesso potrebbe essere una di quelle entità perchè vive nello spettro vibratorio del mondo fisico ma può spaziare con il viaggio astrale anche nello spettro vibratorio del piano astrale.

Tutto quanto sritto è in parte basato sulla cultura spirituale classica e in parte sviluppato sulla base di ipotesi.
[Edited by acronimo 1/18/2012 11:48 PM]
E' giusto adorare Gesù?Testimoni di Geova Online...116 pt.6/25/2019 6:04 PM by Aquila-58
Società Calcio Monza.INVESTIMENTI-INIZIATIVE-PASSIONE!!!blog191252 pt.6/25/2019 3:51 PM by TifosodaBG
Gioco di associazione di parole Ipercaforum30 pt.6/25/2019 5:57 PM by AlcibiadeR
1/19/2012 12:35 AM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
Post: 8
Registered in: 12/28/2011
Location: ANZOLA DELL'EMILIA
Age: 30
Gender: Male
Obino
Junior User
OFFLINE
Re:
acronimo, 18/01/2012 22.41:




Può essere che nel caso di esperienza di premorte l'interessato sia mentalmente rivolto all'idea della morte concreta, ma è anche vero che negli stati di premorte il corpo fisico anche se per qualche piccolo istante rimane veramente morto. Con questi presupposti potremmo affermare che l'esperienza di premorte in realtà ci porta ad uno stato vibratorio più alto praticamente pari allo stato vibratorio dei cari defunti mentre in una esperienza di viaggio astrale, essendo ancora legati ad un corpo fisico vivo, il nostro stato vibratorio nel 99% dei casi sia decisamente inferiore e quindi non ci permetta di accedere al "regno dei defunti".




se si arriva a pensare a questo, allora non si dovrebbe dare per scontato che non siano proprio i defunti a non volersi "scomodare" nel caso uno si trovi in "astrale" solo perchè aveva voglia di farsi un giretto e non perchè si trovi davvero tra la vita e la morte, forse


1/19/2012 2:47 AM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
Post: 379
Registered in: 1/28/2011
Location: SIENA
Age: 34
Gender: Male
Astral +
Senior User
Guardiano della bacheca
OFFLINE
Per l'esoterismo tradizionale c'è una differenza fondamentale tra sogno (e quindi VA) ed esperienza premorte: nel sogno l'astrale assieme all'Io si staccano dall'insieme corpo fisico+eterico.
Il premorte è l'unico caso (apparte la vera morte) in cui anche l'eterico si stacca temporaneamente dal corpo fisico. Questo sembrerà banale ai più, ma invece è una differenza fondamentale.

Quanto alla possibilità di dialogare con i defunti durante un VA, devo riportare la testimonianza di una mia amica che sostiene di aver
parlato, in 3 occasioni diverse, con persone a lei care decedute da pochi giorni durante un SL (lei non sa che si chiamano così), e che queste le hanno detto cose che lei non poteva sapere, che hanno trovato conferma nei racconti delle persone ancora vive.

Secondo l'occultismo ciò è possibile solo per un certo periodo di tempo (giorni) dalla morte: dopo di che il complesso astrale-eterico-io viene sottoposto ad una serie di "processi" che lo fanno "allontanare" troppo dal fisico.

Detto questo, c'è da dire che la coscienza chiaroveggente può entrare in contatto anche con anime che si devono ancora incarnare (di lì a poco). Inoltre bisogna considerare che anime che hanno avuto un'evoluzione spirituale particolarmente elevata, possono permanere nello spirituale senza necessità di incarnarsi, o anche esservi costantemente presenti anche mentre sono incarnate in un corpo fisico, e una coscienza chiaroveggente può incontrarle nei mondi superiori.

Per quanto riguarda le sedute spiritiche si ha generalmente a che fare con la "spazzatura astrale", ovvero quelle che sono generalmente chiamate "larve", e che sono ciò che rimane dei pensieri/passioni/desideri dei sognatori..

“Solo quando l'ultimo fiume sarà prosciugato,
quando l'ultimo albero sarà abbattuto,
quando l'ultimo animale sarà ucciso,
solo allora capirete che il denaro non si mangia."
(Tatanka Iyotake, capo dei Sioux Lakota)
1/20/2012 2:04 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
Post: 384
Registered in: 9/30/2011
Gender: Male
Obino
Senior User
OFFLINE
Larve... Sono adorabili !
Per me non è giusto chiamarle spazzatura :D
Comunque, se ricordi, ti parlai della proiezione eterea.

Out of business.
1/20/2012 3:28 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
Post: 382
Registered in: 1/28/2011
Location: SIENA
Age: 34
Gender: Male
Astral +
Senior User
Guardiano della bacheca
OFFLINE
Re:
ForsakenLinux, 20/01/2012 14.04:

Larve... Sono adorabili !
Per me non è giusto chiamarle spazzatura :D
Comunque, se ricordi, ti parlai della proiezione eterea.



Si mi ricordo, ma me ne hai parlato solo te e non ho mai letto nulla da nessuna parte.. mi dai qualche link..?

“Solo quando l'ultimo fiume sarà prosciugato,
quando l'ultimo albero sarà abbattuto,
quando l'ultimo animale sarà ucciso,
solo allora capirete che il denaro non si mangia."
(Tatanka Iyotake, capo dei Sioux Lakota)
1/20/2012 3:36 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
Post: 386
Registered in: 9/30/2011
Gender: Male
Obino
Senior User
OFFLINE
Te l'ho dato. Ti parlai della discussione in "Domande", una delle prime che ho fatto, in cui chedevo se l'immortalità dovesse essere guadagnata.
Lì c'è il link in cui lessi della proiezione eterea.

Out of business.
2/21/2012 11:41 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
Post: 52
Registered in: 2/15/2012
Location: MATERA
Age: 22
Gender: Male
Obino
Junior User
OFFLINE
Si ma a farsi un viaggetto così non pensi ehi vorrei vedere mia nonna che fa, perché non provate durante un VA a cercare un morto? Magari si otterranno risultati maggiori



Perché la gente non riesce a capire che non c e miglior consigliere di se stessi? Forse dovrei chiederlo a qualcuno
Vote:
Admin Thread: | Close | Move | Delete | Modify | Email Notification Previous page | 1 | Next page
New Thread
Reply

Home Forum | Bacheca | Album | Users | Search | Log In | Register | Admin
Create your free community and forum! Register to FreeForumZone
FreeForumZone [v.5.0.0] - Leggendo la pagina si accettano regolamento e privacy
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 6:22 PM. : Printable | Mobile
Copyright © 2000-2019 FFZ srl - www.freeforumzone.com